Investita da una moto in via Etnea. La storia di Amalia: parla la mamma

 laessenews.it

Investita da una moto in via Etnea. La storia di Amalia: parla la mamma.

Oggi raccontiamo la storia di Amalia. Una ragazza di 18 anni della nostra città. Una giovane donna che fino a qualche giorno fa si stava preparando per gli esami di maturità, come tutte le ragazze della sua età.

Amalia, una ragazza semplice, che però martedì ha dovuto affrontare qualcosa di molto troppo grande per i suoi 18 anni.

Amalia infatti martedì si trovava in via Etnea ed è stata investita da una moto.

A raccontarci tutto è la sua mamma: Vita Maria.

(Leggi anche gli altri EDITORIALI).

«Martedì mia figlia stava attraversando sulle strisce pedonali la via Etnea, poco più sopra del viale XX Settembre. Ad un certo punto viene investita da una moto. Amalia viene letteralmente sbalzata… Riesce a chiamarmi, io mi trovavo in piazza Borgo. La raggiungo e la trovo sull’ambulanza.

Provvidenziale è stata infatti la presenza di Stefano e Mara, che poi abbiamo scoperto essere presidente e componente di Croce Rossa. Loro infatti sono intervenuti tenendo immobilizzata mia figlia, coprendola dal sole e coccolandola.

L’ambulanza porta mia figlia al Policlinico. Il quadro è frattura scomposta del bacino e frattura di tibia e perone.

Amalia è stata operata ed è stata anche necessaria una trasfusione di sangue.

Adesso ha i ferri addosso, ma presto li toglieranno e inseriranno le viti. Poi dovrà fare la riabilitazione. E altri interventi.

Intanto gli esami di maturità al liceo scientifico Galileo Galilei l’attendono. E poi potrà buttarsi tutto alle spalle e riprendere in mano la sua vita».

Riguardo invece il conducente della moto, a quanto pare, non si sarebbe fermato. «Di questo se ne sta occupando la polizia», dichiara la mamma.

E intanto Amalia su Instagram rende note le sue condizioni di salute.

La giovane donna infatti ringrazia tutti coloro che le stanno inviando messaggi di affetto e di solidarietà. Ed esorta inoltre esorta a donare il sangue.

«Amalia – aggiunge Vita Maria – sentendosi grata per aver ricevuto la trasfusione e capendo l’importanza del gesto, ha scelto di sensibilizzare tutti sulla donazione. Invitando gli amici (e non solo) a donare. Si tratta infatti di un bel gesto che salva la vita delle persone».

Seguici anche su Facebook.